battlefield-4

PlayStation 4 e la recensione del nuovo gioco DICE Battlefield 4

Battlefield 4 è il dodicesimo capitolo di un videogioco sparatutto in prima persona sviluppato da DICE e pubblicato da Electronic Arts. Il videogioco è stato rilasciato il 31 ottobre 2013 per PlayStation 3Xbox 360 e Microsoft Windows. Successivamente Battlefield 4 ha visto la luce anche sulle console next-gen al lancio delle rispettive console; il 22 novembre per Xbox One e il 29 novembre per PlayStation 4. È il primo videogioco della serie Battlefield ad utilizzare il nuovo motore grafico Frostbite 3. Il gioco divide la critica, ma è l’unico sparatutto in grado di competere con il premiatissimo Call of Duty. Inizialmente il titolo è stato progettato esclusivamente in versione online, ma con il tempo, per accontentare i fan, è stato arricchito anche di una modalità single player.

La modalità single player di Battlefield 4 è ambientata nel 2020, tra Shangai e il Medio Oriente. L’avventura vi porterà alla ricerca ed al salvataggio di uomo, rapito dall’ammiraglio Chang. Durante tutto l’arco dell’avventura noterete come i dialoghi e i personaggi in se, sono privi di qualsiasi aspetto caratteriale specifico, deludendo così i tantissimi fan della serie che con Battlefield 3 avevano assistito ad una trama coinvolgente e ricca di colpi di scena. Se vi cimenterete in Battlefield 4 sappiate che la storia principale ha una durata circa di 6/7 ore. La cosa che più ci ha colpito sono le scene in alcune missioni davvero spettacolari che avvengono in-game, lasciando il player a bocca aperta. Ma nel gioco non vi sono solo aspetti prettamente grafici, infatti una nuova funzione, ad esempio, ci permette di comunicare agli alleati la posizione dei nemici in modo da attaccarli con un certo criterio.

Nella modalità multiplayer potremo godere appieno delle funzionalità proposte da Battlefield 4. Il titolo avrà a disposizione ben 10 diversi campi da battaglia. Si avete capito bene Battlefield 4 propone 10 mappe, che sono: Hainan Resort, Dawnbreaker, Siege of Shanghai, Paracel Storm, Zavod 311, Lancang Dam, Flood Zone, Rogue Transmission, Operation Locker e Golmud Railway. Potremo quindi affrontare gli altri utenti nelle modalità Domination, Conquista, Corsa, Team e Squad Deathmatch, e le nuove modalità ObliterationDefuse.

Se per le modalità già conosciute non ci sono sostanziali novità, bisogna soffermarsi sulle modalità Obliteration e Defuse. Nella prima dovremo innanzitutto battagliare per una bomba che dovrà essere poi posizionata in una stazione avversaria. In Defuse invece ci saranno due squadre formate da 5 giocatori ciascuno, nella prima fase una squadra dovrà difendersi dall‘installazione di una bomba, mentre nella seconda le parti saranno invertite.

Parlando di grafica in se, Battlefield 4 non ha rivali. Il titolo grazie al nuovo motore grafico Frostbite 3, riesce ad imprimere una forte sensazione di realtà, sia nei movimenti dei soldati, sia negli splendidi paesaggi che formano il campo di battaglia. Abbiamo provato il gioco su PlayStation 4, ma grazie a Marco siamo riusciti a vederlo in azione anche su Xbox One. Battlefield 4 gira a risoluzione più alta sulla PS4 (1600X900 contro i 1280X720 di Xbox One) ed ha anche gli effetti di occlusione ambientale che invece non sono presenti sulla console di casa Microsoft. Queste due mancanze rendono il titolo migliore per diversi aspetti su PS4.

Per concludere se siete alla ricerca di uno sparatutto con una storyline lunga e varia, Battlefield 4 fa per voi. Certo il titolo non è all’altezza del suo predecessore in quanto a dialoghi, ma grazie alla grafica mozzafiato e a delle scene davvero entusiasmanti non vi deluderà. Anche il comparto multiplayer è stato aggiornato e migliorato soprattutto per l’introduzione delle due nuove modalità, Obliteration e Defuse.

Se volete acquistare Battlefield 4 non dovete far altro che recarvi su questa pagina che contiene il link per tutte le varie piattaforme.

GRAFICA 9.3
DIALOGHI E TRAMA 6.5
SONORO 9
GAMEPLAY 9
LONGEVITA’ 9

Shares

Info su Admin

Appassionato di tutto ciò che è tecnologico. Da molti anni mi occupo della realizzazione di siti web utilizzando i più comuni CMS.

Altri Articoli Interessanti