Xbox One: video unboxing e periferiche in dettaglio

Attraverso il canale ufficiale Microsoft, andiamo a presentarvi il primo filmato unboxing di Xbox One.

Per presentarci l’unboxing è stato scelto , Larry Hryb, direttore della programmazione per Xbox Live.
Egli oltre ad effettuare l’unboxing ci descrive tutti gli accessori che troviamo all’interno della confezione della console.

La confezione originale include quindi: il Kinect, un controller, un paio di cuffie, un cavo HDMI compatibile con lo standard 4k, l‘alimentatore esterno e infine il codice per sbloccare l’achievement “Day One”.

Il direttore ha anche confermato che nelle versioni vendute successivamente avranno gli auricolari mono e quindi non saranno esclusivi della console venduta al lancio.

Le cuffie supporteranno una qualità audio migliore e saranno gestibili attraverso la parte terminale del cavo, in modo tale che anche durante le partite potremo controllare il volume senza problemi.

Il controller avrà il corpo completamente in “Liquid Black“, e sarà ricaricabile e sarà alimentato con semplici batterie AA(standard o ricaricabili).

Potrà essere ricaricato tramite un normale cavo micro USB, e lo potremo utilizzare anche con il cavo quando per qualche motivo non potremo utilizzare il modulo wireless (vedi ad esempio quando avremo le batterie scariche).

Xbox One sarà disponibile alla vendita in 21 nazioni diverse entro la fine di novembre.

Il prezzo di vendita sarà di 500€ nei paesi UE, 500$ in America e 430£ in Gran Bretagna.

E’ possibile effettuare il preordine della console su Amazon Italia.

Avrete la possibilità di riceverla il giorno del lancio senza pagare le spese di spedizione.

Per maggiori informazioni su Xbox One e sul preordine, clicca qui.

Seguiteci numerosi sulla nostra pagina facebook e quella di google+, attraverso le quali potrete seguire tutte le novità sul mondo dei videogiochi e non solo.

VIA: Gamemag

Shares

Info su Admin

Appassionato di tutto ciò che è tecnologico. Da molti anni mi occupo della realizzazione di siti web utilizzando i più comuni CMS.

Altri Articoli Interessanti